Il corpo e l abito

Era sera e nel buio del mio salotto guardavo quasi distratta un film di Totò .
Nel ruolo dello scrivano ambulante, si lamentava del fatto che la gente avesse imparato a scrivere.
Con il telecomando in mano mi colpisce che non molto tempo fa la gente facesse zapping, sottolineando con questo vocabolo creativo l uso meno volgare e passivo del elettrodomestico. All’epoca nel web che era Internet , si surfava, ed era in auge tra gli ” intellettuali” , un contenitore televisivo molto psichedelico di nome Blob.
Quella mattina ero andata in cartoleria per comprare alcuni testi scolastici x il mio secondogenito ed ero rimasta sorpresa dal continuo tramestio di extracomunitari, una volta si chiamavano così ora forse sarebbe + corretto chiamarli diversamente comunitari, che entravano a chiedere quanto costasse redigere un cv europeo.
“che cos’è ” mi aveva chiesto mio figlio, indicando la copertina di un libro sul bancone
“geroglifici” ho risposto quasi in automatico
“si ma come si leggono le lettere?”
Non sono lettere, sono icone
Mi guarda senza chiedere
Sai se tu vedi un teschio su di una porta di ferro è come se leggessi pericolo di morte, gli egizi usavano icone invece di lettere.
Riflettendoci siamo tornati al geroglifico, guarda quanto hanno fatto presa gli smile, che dire dei menù di strumenti come l Iphone.
La digitalizzazione, quasi viene da riflettere sul fatto che quella scrittura fosse quanto rimaneva su pietra di sistemi assai più evoluti, magari console di comando di navi stellari.
Forse non abbiamo mai viaggiato fisicamente, siamo sempre rimasti qui con il corpo, perché il corpo non é adatto a viaggiare distanze incomprensibili.
Forse il corpo é solo un abito, la morte ci spoglia dell’abito, e se siamo capaci di rimanere con il nostro spirito cominciamo davvero a viaggiare. Forse gli egiziani conservavano il corpo convinti che prima o poi tornasse utile, avevano riposto la fede nel vaso errato.
Questo pensiero mi fa capire quanto uno possa essere seduto sul secchio d’oro all’inizio dell’arcobaleno e non rendersi conto di esserci.
Oggi ho imparato che per proseguire verso, occorre una certa capacità di scegliere pur nel inconsapevolezza e la scelta riguarda tanto il cammino quanto il maestro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *