Tag Archives: antiossidanti

il cavolo nero

  • STAGIONE
    gennaio, febbraio, marzo, dicembre.

    In una padella rosolare l’aglio schiacciato, i pomodori secchi tritati grossolanamente e il rosmarino tritato finemente con un filo d’olio evo. Tagliare a striscette il cavolo nero, togliendo la costa centrale e farlo rosolare in padella. Far insaporire e aggiungere mezzo mestolo d'acqua. Intanto mettere a cuocere la pasta in acqua salata. Quando la pasta sarà cotta, farla saltare nella padella col condimento che avrete regolato di sale.
    In una padella rosolare l’aglio schiacciato, i pomodori secchi tritati grossolanamente e il rosmarino tritato finemente con un filo d’olio evo. Tagliare a striscette il cavolo nero, togliendo la costa centrale e farlo rosolare in padella. Far insaporire e aggiungere mezzo mestolo d’acqua. Intanto mettere a cuocere la pasta in acqua salata. Quando la pasta sarà cotta, farla saltare nella padella col condimento che avrete regolato di sale.

    PROPRIETÀ NUTRITIVE
    Il cavolo nero è ricco di sali minerali, quali calcio, ferro e potassio, e vitamine A, C, E ed acido folico.

    CALORIE
    25 Kcal per 100g di prodotto.

    PRINCIPALI METODI DI COTTURA
    A vapore: sminuzzare le foglie e cuocerle per 25 minuti.
    Bollitura: usare abbondante acqua salata (4 litri per 1 Kg di verdura) e cuocere per appena 5 minuti.

    4) Ricco di acidi grassi (omega 3 e omega 6)

    Gi acidi grassi omega 3 giocano un ruolo importante nel mantenimento della salute. Una porzione di cavoli contiene circa 120 milligrammi di acidi grassi omega 3 e circa 92 milligrammi di acidi grassi omega 6. Gli acidi grassi essenziali devono essere assunti ogni giorno. Altre fonti alimentari che li contengono sono le noci, l’olio e i semi di lino.

    5) Ricco di calcio

    Il cavolo è una delle maggiori fonti vegetali di calcio: 3/4 tazze di cavolo riccio contengono tanto calcio quanto una tazza di latte vaccino. Il cavolo verde crudo, ad esepio contiene 72 mg di calcio per 100 gr

    *occorrono soltanto 60 giorni per poter gustare dei nuovi cavoli a partire dalla semina, mentre per l’allevamento dei bovini serviranno dai 18 ai 24 mesi prima di poter avere a disposizione nuova carne.